info@photoprisma.it

Corsi di fotografia a Monza

 Corsi di fotografia a Monza

Inizio nuovo corso

 Corso base fotografia

Martedì 6 Febbraio 2018

Prima lezione di prova gratuita

 

 

h. 20.45 – 23.00

Corsi di fotografia a Monza

Questo corso di fotografia si propone di fornire gli elementi base per la comprensione della tecnica e del linguaggio. Attraverso una fotografia possiamo registrare e trasmettere le nostre emozioni, ma l’approccio istintivo allo scatto non è sufficiente: conoscendo il funzionamento della nostra macchina fotografica possiamo realizzare più facilmente ciò che abbiamo in mente ed aumentare l’impatto visivo delle nostre immagini. L’attenzione verrà focalizzata su concetti essenziali, ma fondamentali, evitando un eccessivo e arido nozionismo.

Al tempo stesso la fotografia non è solo tecnica: attrezzature costose e all’avanguardia non sono in grado di produrre validi risultati se si trascurano forma e contenuto. Conoscere le regole di composizione e le modalità di analisi dell’immagine fotografica ci aiuterà a tradurre in immagini più incisive il buon gusto, la sensibilità, il colpo d’occhio e la creatività, doti in parte innate, da risvegliare e coltivare con cura e pazienza.
Divertirsi con la macchina fotografica in mano per dar libera espressione alle nostre emozioni: questa è la mission che ci proponiamo.

 

Corsi di fotografia a monza

Corsi di fotografia a Monza e Brianza


Programma del corso base di fotografia

Prima lezione

 

  • Impostazioni base della macchina fotografica
     
    corsi fotografia monza

Spiegheremo in che modo la qualità di immagine è influenzata dalla risoluzione e dalle dimensioni del sensore, cosa comporta un incremento della sensibilità ISO, come si effettua il bilanciamento del bianco. Passeremo in rassegna i principali comandi e impostazioni della macchina fotografica e vedremo come si effettua lo sviluppo di un “negativo digitale” (file RAW)

Seconda lezione
  • Obiettivi fotografici per il controllo dell’ingrandimento e della prospettiva; tempi di posa e controllo del movimento


Descriveremo il funzionamento degli obiettivi fotografici, sia in termini di lunghezza focale / ingrandimento, che in termini di controllo della prospettiva. Quali scegliere in funzione del genere fotografico preferito e in base a quali criteri preferire una marca piuttosto che un’altra. Vedremo poi quali sono gli accessori veramente utili nell’era digitale. Parleremo di un importante parametro da scegliere al momento dello scatto: il tempo di posa. Mediante la regolazione dell’otturatore possiamo infatti controllare due componenti del movimento: il mosso del fotografico ed il mosso del soggetto. Affronteremo inoltre il tema della messa a fuoco, descrivendo i principali dispositivi ed impostazioni: numero dei sensori da attivare, area di messa a fuoco, funzione di inseguimento dei soggetti.

Terza lezione
  • Diaframma e profondità di campo. Nitidezza assoluta e messa a fuoco selettiva

 

In questa lezione l’attenzione sarà focalizzata sull’utilizzo del diaframma per il controllo della Profondità di Campo a fini creativi. Con diaframmi aperti possiamo infatti ridurne l’estensione, limitando il campo nitido al solo soggetto lasciando sfuocato tutto il resto (messa a fuoco selettiva). Con diaframmi chiusi possiamo estendere l’area percepita come nitida per includervi elementi posti a distanze differenti (nitidezza assoluta). Saper gestire la PdC è fondamentale per aumentare l’impatto visivo delle nostre immagini nel ritratto, nel paesaggio urbano e naturale, nel reportage, nella macrofotografia.
Quarta lezione
  • Qualità e quantità della luce. Illuminazione ed esposizione. Gli istogrammi. La tecnica dell’High Dynamic Range

 

Capire e controllare la luce è la qualità più importante di un buon fotografo. Distingueremo tra Qualità della luce, ingrediente fondamentale per realizzare immagini emozionanti, e Quantità della luce. Quest’ultimo aspetto è legato all’esposizione, intesa come modalità di impostazione dei parametri di ripresa (Tempi, diaframmi e sensibilità ISO) al fine di realizzare immagini né troppo scure né troppo chiare. Vedremo quanto è importante capire il funzionamento degli istogrammi, per giudicare se una fotografia è ben esposta o meno, già nei momenti successivi allo scatto. Vedremo anche come ampliare la “gamma dinamica” mediante tecniche avanzate (Hygh Dynamic Range)

 

Quinta lezione
  •  Principi di composizione e criteri di analisi dell’immagine fotografica
  • In questa lezione affronteremo il tema del linguaggio della fotografia, mediante lo studio di immagini di grandi maestri. Verranno descritti e discussi alcuni di princìpi di composizione la cui applicazione consente di compiere un immediato salto di qualità in termini di risultati fotografici. Vedremo come analizzare un’immagine sotto diversi aspetti: dal punto di vista del Fotografo che cerca di esprimere se stesso “dipingendo con la luce” (come), quello del Soggetto i cui contenuti materiali ed emozionali stanno al centro della comunicazione, quello dell’0sservatore o fruitore delle immagini, destinatario della comunicazione fotografica.

 

Sesta lezione
  •  Esercitazione pratica sul campo

Effettueremo un’uscita a Milano nel quartiere Bicocca ed in zona Garibaldi/Isola per realizzare sul campo immagini di paesaggio urbano, mettendo in pratica le nozioni e le tecniche descritte durante la lezione teorica.

Settima lezione
  •  Ritratto e reportage, la street photography

 

La gente è il soggetto più fotografato. Vedremo come operare con differenti approcci: il ritratto posato in studio e in esterni di singole persone o gruppi, il racconto che scaturisce da un progetto fotografico che pone la persona al centro di un contesto o un evento (reportage), la candid camera o fotografia di sorpresa (street photography). Scelta dell’illuminazione adatta, controllo dello sfuocato, scelta del rapporto figura-sfondo, scelta del momento giusto sono le variabili critiche.

Ottava lezione
  • Paesaggio naturale e fotografia di architettura

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare il paesaggio naturale non è un genere facile: l’effetto cartolina è dietro l’angolo e pochi fotografi riescono ad essere originali. Vedremo come affrontarlo da un punto di vista tecnico ed in termini di prospettiva e composizione, per dar vita ad immagini non banali, in grado di suscitare emozioni. Affronteremo poi il tema del linguaggio fotografico nel paesaggio urbano e gli aspetti tecnici propri della fotografia di architettura, con particolare attenzione allo studio dell’andamento delle linee e della prospettiva, alla ricerca e valorizzazione dei dettagli, alla rappresentazione degli edifici, dei monumenti e degli elementi di arredo urbano più significativi.

Nona lezione
  •  Esercitazione pratica sul campo

Effettueremo una seconda uscita a Milano presso il Cimitero Monumentale oppure nel quartiere Bicocca per realizzare sul campo immagini di paesaggio urbano, o in alternativa presso il Parco di Monza per sessioni di ritratto in esterni

Decima lezione
  • Nozioni base di fotoritocco, gestione dell’archivio digitale e presentazione delle proprie immagini

La camera chiara ha da tempo sostituito la tradizionale camera oscura e messo tutti i fotoamatori nelle condizioni di poter intervenire dopo lo scatto per migliorare le proprie immagini e correggere eventuali errori. In questa lezione illustreremo le caratteristiche dei principali software necessari per la gestione, il ritocco, l’ottimizzazione e l’elaborazione dei file.

Una gestione organizzata ed ordinata del proprio archivio e la capacità di effettuare rapide ricerche mirate tra migliaia di file migliorano notevolmente l’efficienza e la velocità del flusso di lavoro. Anche la presentazione delle nostre fotografie deve essere curata con attenzione, si tratti di una galleria Web, di una mostra fotografica, di un album, di una videoproiezione

Richiedi info

iscriviti al corso