L’efficienza della stabilizzazione in casa Sony

 

Abbiamo testato l’efficienza dello stabilizzatore Steady Shot di Sony con la combinazione A7R3 + 200-600 mm OSS. I risultati sono soddisfacenti, in linea con la stabilizzazione ottica dei migliori obiettivi Canon EF.

                            Sony A73 – Sony 200-600 mm, focale 600 mm, diaframma 6,3 – 1/60, ISO 320. Crop 100 %

 

L’uscita del sistema Canon R, ed in particolare dei due recenti modelli R5 ed R6, è stato accompagnato dall’enfasi sull’efficienza del sensore stabilizzato, per la prima volta introdotto da Canon e in grado di “dialogare” con la stabilizzazione incorporata nelle ottiche, per un guadagno dichiarato complessivo da 6 ad 8 stop, a seconda dell’obiettivo impiegato. Sono prestazioni top, superiori perfino a quelle strabilianti di Olympus, che pur se avvantaggiata da un sensore molto più piccolo, dichiara fino a 7,5 stop con determinate combinazioni macchina-obiettivo. Sony dal canto suo dichiara tra 5 e 5,5 stop a seconda del modello utilizzato. Ricordiamo che i primi sistemi di stabilizzazione non superavano i 2-3 stop di efficienza.

I vantaggi della stabilizzazione

Uno stabilizzatore efficace consente scatti altrimenti impossibili, in condizioni di scarsa illuminazione e con soggetti statici. Immaginiamo di utilizzare un 500 millimetri a mano libera per fotografare un alce che ci osserva: la tradizionale “regola del reciproco della focale utilizzata”, imporrebbe l’utilizzo di tempi di posa di almeno 1/500 di secondo (o più veloce), per avere un’immagine perfettamente nitida. Il micromosso infatti, provocato dalle vibrazioni che trasmettiamo con le nostre mani nel momento in cui sorreggiamo l’insieme macchina-obiettivo, causa una perdita visibile di nitidezza, spesso erroneamente attribuita alla qualità dell’ottica. L’utilizzo di un tempo così veloce, con obiettivi non particolarmente luminosi e nell’oscurità del sottobosco, costringerebbe quindi a lavorare con valori ISO molto elevati, anche 6400 o 12800, mal digeriti persino dai sensori “full frame” di ultima generazione. In questo scenario, una stabilizzazione di 4 stop permette invece l’utilizzo di un tempo di 1/30, con ISO 200 – 400 per una qualità ottimale del file. Qui potete approfondire “i vantaggi della stabilizzazione”.

                                              Sony A7R3, Sony 200-600 mm, focale 426 mm, 1/400 sec f.6,3, 12.800 ISO
Con stabilizzatore attivato, si sarebbe potuto scattare a 1/30 s e 800 ISO circa, a tutto vantaggio della pulizia del file, che dopo la riduzione del rumore risulta assai impastato

Steady Shot di Sony

Utilizzando come riferimento il nuovo Canon RF 100-500 mm, per il quale sono dichiarati 6 stop di stabilizzazione massima, con un valore “di sicurezza” collocabile intorno ai 5, la stabilizzazione di Sony garantisce in sicurezza 3,5-4 stop, un risultato a mio parere più che soddisfacente ed in grado di trarre d’impaccio in situazioni critiche di luminosità. Da non trascurare la qualità eccellente dello zoom 200-600 mm di Sony, il cui costo è notevolmente inferiore a quello del Canon (circa 1700 € contro quasi 3000). Ma veniamo ora ad alcuni esempi: si tratta di scatti effettuati nell’Oasi di Sant’Alessio, seguiti dai relativi crop al 100%. A questo proposito occorre ricordare che non ha senso paragonare visivamente un crop al 100% di un file di un sensore da 42 megapixel con quello di un sensore da 24 mpx, perchè quest’ultimo corrisponde ad un output di stampa di dimensioni largamente inferiori.

Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.6,3, ISO 160 guadagno 3,3 stop

                                                                                                     crop 100%
                                       Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 500 mm, 1/60 f.6,3, ISO 125 guadagno 3,1 stop
                                                                                                     crop 100%
                                       Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/15 f.10, ISO 100 guadagno 5,3 stop
                                                                                              crop 100% 
                                      Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 450 mm, 1/60 f.8, ISO 100  guadagno 2,8 stop
                                                                                                       crop 100%
                                   Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.6,3, ISO 1600  guadagno 3,3 stop
                                                                                                       crop 100%
                                       Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.6,3, ISO 320  guadagno 3,3 stop
                                                                                                       crop 100%
                                     Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.6,3, ISO 200  guadagno 3,3 stop
                                                                                                       crop 100%
                                  Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.6,3, ISO 100  guadagno 3,3 stop
                                                                                                       crop 100%

       
                                      Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/80 f.6,3, ISO 500  guadagno circa 3 stop
                                                                                                        crop 100%
                               
Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/30 f.10, ISO 100  guadagno 4,3 stop
                                                                                                        crop 100%
                                   Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/30 f.6,3, ISO 1600 guadagno 4,3 stop
                                                                                                         crop 100%
                                  Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.6,3, ISO 200  guadagno 3,3 stop
                                                                                                         crop 100%
                             Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 500 mm, 1/60 f.6,3, ISO 500  guadagno circa 3 stop
                                                                                                         crop 100%
                                  Sony A7R3 + Sony 200-600 mm – focale 600 mm, 1/60 f.9, ISO 100  guadagno 3,3 stop
                                                                                                          crop 100%

Conclusioni

In sintesi, la stabilizzazione steady shot di Sony, col 200-600 mm, è sicuramente adeguata alle esigenze del fotografo naturalista. Fino ad 1/30 si può scattare con una certa sicurezza. Occorre sottolineare che la percentuale di scatti perfettamente nitidi scende significativamente, in particolare se si scatta a 1/15%.

Possiamo stimare:

1/60: 60 % di scatti nitidissimi, 25 % accettabili

1/30: 40 % di scatti nitidissimi, 35 % accettabili

1/15: 10% di scatti nitidissimi, 30% accettabili

Inutile precisare che si sta parlando di soggetti statici: un leggero movimento del soggetto si traduce sempre nella necessità di accorciare il tempo di posa, come minimo ad 1/250. Per gli uccelli in volo, la stabilizzazione è del tutto inutile ed è meglio disinserirla.

 

Leave a Reply